Dietro al rogo, l'orrore: uccisa dal nipote l'anziana di Caslano

Dietro al rogo, l'orrore: uccisa dal nipote l'anziana di Caslano
Ha confessato, ha ammesso: quella donna, sua nonna, l'ha uccisa, e l'ha uccisa forse perché cercava denaro per soddisfare il suo bisogno di droga; e l'ha uccisa brutalmente, con un oggetto contundente, colpendola alla testa; e, infine, ha cercato di coprire le tracce dando fuoco all'abitazione. Di fatto indagato sin dalle prime ore, quando l'attenzione degli inquirenti si era concentrata sulla sua persona, un 23enne è in stato di arresto per la morte dell'anziana - 81 anni l'età, non ancora formalmente identificata anche se in paese non c'era uno che non la conoscesse - il cui corpo senza vita era stato trovato dai soccorritori poco dopo le ore 3.00 di venerdì 6 luglio nel domicilio di via Chiesuola a Caslano. Serrati gli accertamenti condotti dagli esperti della Polscientifica, stringente l'impegno delle forze dell'ordine che sulla scorta degli elementi acquisiti sono giunti a formulare una ricostruzione quanto mai logica e quanto mai tragica; al 23enne, messo davanti alla mole di dati raccolti ed a contestazioni univoche e pur restando da chiarirsi vari aspetti com'è normale nell'immediatezza dei fatti, non è rimasto che l'arrendersi. Ipotesi di reato, al momento: assassinio (omicidio intenzionale in subordine), turbamento della pace dei defunti, incendio intenzionale e contravvenzione alla Legge feder ale sugli stupefacenti. Il giovane si trova già in carcere; la restrizione della libertà personale è stata convalidata dal giudice dei provvedimenti coercitivi. “Dossier” di inchiesta nelle mani del procuratore pubblico Paolo Bordoli.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry