Ops, l'Italia non ce la fa: solo a gennaio la rotaia verso Varese

Versione stampabileVersione PDF
Ops, l'Italia non ce la fa: solo a gennaio la rotaia verso Varese
Tempi tecnici insufficienti, lavori non ancora conclusi, “test” da effettuarsi: un ventaglio di scuse dell'ultim'ora come corollario all'improvviso rinvio dell'apertura della linea ferroviaria da e per Mendrisio. Se ne riparlerà a gennaio. Ma alle Ffs cascano dalle nuvole...

Eh, dobbiamo ancora condurre prove mirate a simulare “le condizioni reali di esercizio”; eh, dobbiamo ancora effettuare “test” sugli “innovativi sistemi tecnologici installati” (ci mancherebbe altro che venisse utilizzata tecnologia bolsa ed obsoleta, ndr), ad esempio quello “di transizione dinamica che consente ai treni di effettuare in corsa il passaggio dalla rete ferroviaria svizzera a quella italiana, e viceversa”. Insomma, un paio di scuse è stato trovato anche stavolta; tutto ciò per dire - senza far rumore - che l'annunciato collegamento ferroviario Mendrisio-Stabio-Arcisate-Varese non vedrà luce nemmeno nel 2017. Ce lo raccontano oggi, sulle evidenze (ignote al pubblico, ma si sa, a qualcuno piace il cambiare le carte in tavola) di una riunione che ebbe luogo sei giorni or sono a Como, nell'àmbito - così sta scritto - del Comitato tecnico di coordinamento a cui hanno preso parte delegati di una congerie di realtà cointeressate, dal Canton Ticino alla Regione Lombardia all'Ufficio federale trasporti, dalla “Rete ferroviaria italiana-Rfi SpA” alle Ferrovie federali svizzere alla “Trenord” alla “Tilo Sa”. Oddio: che alle Ffs la cosa sia chiara non risulta, come si documenterà fra un attimo.

L'attivazione del servizio passeggeri, dal momento che sulla tratta in territorio peninsulare sono ancora da ultimarsi i lavori (data annunciata, e vabbè: venerdì 1.o dicembre 2017, contro un iniziale lunedì 31 dicembre 2012 poi riclassificato ovvero procrastinato a martedì 31 dicembre 2013), avrà a questo punto luogo “dopo le festività natalizie”, ossia domenica 7 gennaio. Tanti saluti al tabellone orario già pubblicato sul sito InterNet delle Ffs dove, come possiamo dimostrare in immagine, nessuno è stato realmente informato circa la novità intercorsa (ricerca effettuata alle ore 13.51 di oggi su un ipotetico viaggio di martedì 19 dicembre: tutto regolare per il treno S40 che da Mendrisio a Varese dovrebbe coprire la distanza in 21 minuti. Ciaone, ma questa è e rimane una colossale presa in giro). In pratica, per ora si resta all'acquisito: fra tre settimane, tre nuove connessioni (S40 da Como-Albate a Stabio via Mendrisio, S10 da Como-Albate a Lugano verso Bellinzona via Mendrisio, S50 da Bellinzona via Lugano a Stabio); da lunedì 7 gennaio, a Dio piacendo e soprattutto se altro non accadrà, servizio prolungato fino a Varese e riapertura - ossia normalissimo ripristino di quel che c'era e che venne cancellato all'improvviso con un tratto di penna - della sezione di linea che da Arcisate si sviluppa sino a Porto Ceresio, in provincia di Varese.

Ah, solo per conoscenza: nessuna indicazione viene formulata, nel frattempo, circa la riapertura della linea Cadenazzo-Gallarate via Gambarogno e Luino. Niente sorprese, da quel versante? Per carità, siate sinceri e ditecelo sùbito, se per caso, et cetera.

pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry