Studiare i genocidi, ecco il nuovo concorso al “Premio Spitzer”

Studiare i genocidi, ecco il nuovo concorso al “Premio Spitzer”
Giunge come singolare coincidenza, ovvero nel giorno in cui (giustamente) un'ampia maggioranza del Parlamento tedesco ha riconosciuto come genocidio quello perpetrato dai turchi sugli armeni nel 1915, il bando del “Premio Spitzer” edizione 2016-2017: proprio al sostegno di progetti che educhino alla presa di coscienza dei genocidi e delle persecuzioni è infatti destinata la dotazione di 10'000 franchi cui possono aspirare studenti degli istituti pubblici e privati del Canton Ticino, secondo gli intendimenti dei membri della “Fondazione Federica Spitzer” in Lugano. Due le categorie (scuola media e scuole post-obbligo), libere le modalità espressive (video, espressione visiva, scrittura, fotografia, nuove tecnologie, approfondimenti e ricerche, riflessioni sui rapporti fra le comunità culturali e religiose, et cetera); della giuria fanno parte Diego Erba (già direttore della Divisione scuola in seno all'Amministrazione cantonale), Graziano Martignoni (psichiatra ed autore di saggi), Antonio Gili (direttore dell'Archivio storico di Lugano), Maurizio Balestra (docente al “Collegio Papio” di Ascona) e Laura Donati (già direttrice e docente del Liceo di Locarno). I nomi dei vincitori saranno resi noti entro il domenica 1.o gennaio 2017; la premiazione avrà luogo venerdì 27 gennaio 2017, “Giorno della memoria”. Nella foto: Federica Spitzer, sopravvissuta all'Olocausto e nel cui ricordo venne istituita l'omonima fondazione.
pizza piazza locarno
lugachange
Claciopoli

Ultime news

promozione pubblicita

Accesso utente

nervoso e tifoso
 
salotto gabry