Italiano, quo vadis? / Meglio che si eviti l

Versione stampabileVersione PDF
Italiano, quo vadis? / Meglio che si eviti l
Buona cosa gli interventi per ammodernare le infrastrutture ferroviarie, anche se talvolta viene inopportunamente eliminato anche quel che sa di “vintage” e di tradizionale. Per usura o per necessità di rinnovamento vengono via via sostituiti, ad esempio, i grandi pannelli con cui l’utenza viene invitata a far uso di sottopassaggi e sovrappassi; messaggio quadrilingue, purtroppo non sempre sufficiente a scongiurare tragedie. Differenza minima tra la versione precedente (nella foto) e quella che sta prendendo piede: al “Vietato traversare” è stato sostituito il più comune “Vietato attraversare”. Più comune, ma non… più esatto: “traversare”, nel senso dell’andare da un punto all’altro, è italiano corretto ed anzi, con ampia documentazione letteraria, perfetto.
cesareragazzi

rosso lampone

lugachange
Claciopoli
 

Ultime news

nervoso e tifoso
 
promozione pubblicita

Ultimi commenti

Accesso utente

salotto gabry
grotto contrattempi